La valigia per l’ospedale in primavera

Benritrovate!
Manco dal blog da qualche mese…il tempo di mettere al mondo la mia piccola Olivia Linda, il tempo di conoscerci e riordinare pensieri e neuroni, il tempo per capire quando ritagliarmi minuti preziosi di concentrazione. Il tempo di conciliare il suo accudimento e il mio lavoro. Ora quel tempo c’è e io sono felice di trascorrerlo con Allegri Briganti!

Oggi vorremo dedicare qualche riga alla preparazione della valigia per l’ospedale.
La primavera è alle porte e se la vostra gravidanza è agli sgoccioli non potete perdervi questo post!

Ogni ospedale lascia alle mamme in gravidanza la lista con le indicazioni rispetto alle cose da portare. Quelli che vi lasciamo oggi sono una serie di consigli su quello che non può mancare e riteniamo utile per trascorrere i giorni post parto lontano da casa con tutto il necessario.

La valigia per la mamma. Cosa indossare durante il travaglio e nel post parto. Cosa non può mancare.

Parola d’ordine: comodità. Ma senza rinunciare allo stile.

  • No alla sciattaggine e al pigiamone a fiori che fa tanto divano della nonna. Davvero volete accogliere parenti e amici con questa mise? Davvero volete rivedervi in foto con abbinamenti e colori improbabili? Anche no!

  • Sì a capi basic, con pochi fronzoli e confortevoli. Possibilmente in tessuti naturali e dalle taglie comode e morbide. Sì ai leggins ma abbinati ad una maxi maglia. In primavera prediligete tessuti freschi e traspiranti.

  • Per il travaglio e il parto io ho trovato comode una camicia da notte, lascia le gambe libere ma è sufficientemente lunga per coprirvi tra una visita e l’altra. Anche in questo caso abolita la fantasia “prato in fiore” con le tonalità pallide, non lo meritate!
  • Oltre al beauty con i prodotti per l’igiene personale non dimenticate una piccola trousse con il necessario per il make up. Nulla di esagerato, giusto lo stretto necessario per non sembrare uno zombie appena uscito da The Walking Dead. E sempre per lo stesso motivo non mi sono dimenticata pinzette e tagliaunghie 😛

  • Reggiseno da allattamento sì, reggiseno da allattamento no? Aspettate di aver partorito, per decidere la taglia e il modello, nel frattempo usate top o reggiseni morbidi in cotone, senza ferretto e con spalline larghe per sorreggere e distribuire meglio il peso.
    In compagnia del reggiseno non devono mancare le coppette assorbilatte, meglio se lavabili!
  • All’interno della valigia suddividete con sacchetti trasparenti quello che vi servirà nei vari momenti della degenza (fase di travaglio/parto, post parto, giorni di ricovero) e dividete i singoli cambi per i vari giorni mettendo in unico sacchetto tutto il necessario. Questa operazione aiuterà soprattutto il vostro compagno…che lo sappiamo quanto possono essere svampiti gli uomini quando gli chiediamo di prenderci qualcosa.
  • Capitolo FoodPortate con voi snack energetici per affrontare il travaglio, vi serviranno! Cioccolata, frutta secca, succhi e caramelle.
  • Ovviamente smartphone o macchina fotografica per immortalare istanti indelebili. Non dimenticate i vari caricabatterie, perchè risponderete a 1000 messaggi whatsapp durante la vostra prima notte insonne.

Vi lasciamo qualche esempio, prendete spunto e se vi va suggeriteci nei commenti gli essenziali della vostra valigia.

 

Valigia_Ospedale_6Credits: contrast of effect

Valigia_Ospedale_5Credits: sengerson

Valigia_Ospedale_1

Credits: the sweeter side of of mommyhood

Valigia_Ospedale_4
Credits: sengerson

Valigia_Ospedale_2

Credits: jennyfer lee

Ho dimenticato qualcosa?

Alla prossima!

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>