Cambio di stagione: l’armadio dei bambini

armadio bimbi
Come organizzare l’armadio dei bimbi per affrontare il cambio di stagione? Quando il clima cambia devi predisporre i vestiti per i più piccoli per aiutarli ed aiutarti nella ricerca successiva dei loro accessori durante i mesi e secondo il passare delle stagioni, ricordando che ad una certa età i bimbi potrebbero non aver più bisogno degli stessi capi l’anno successivo.

Dopo aver capito come scegliere il giusto abbigliamento per i tuoi bambini è importante quindi sapere come organizzare l’armadio dei bambini piccoli, distinguendo i vestiti in categorie, a seconda delle necessità.

Ecco alcuni consigli utili:

1. Per prima cosa, è necessario suddividere i vestiti per tipologia in modo da poterli poi disporre in maniera più semplice e schematica. Pantaloni, magliette, maglioni, cappotti saranno posti in luoghi ben precisi ed è un ottimo sistema per ricordarsi meglio dove si trovano. Il modo migliore per conservarli in ogni stagione è quello di inserirli dopo il lavaggio in appositi sacchetti di plastica dotati di chiusura ermetica, che impediscono il passaggio della polvere, gli spiegazzamenti e la perdita dell’odore di pulito.

2. Un’ulteriore suddivisione da fare sui capi di vestiario è quella relativa alla stagione. Occorre infatti separare gli abiti per l’inverno da quelli leggeri estivi, in maniera da poter effettuare in fretta e senza problemi il cambio del guardaroba ed essere sempre pronta ad abbigliare tuo figlio nella maniera più adeguata.
Naturalmente però è importante avere a portata di mano in ogni fase dell’anno alcuni capi “jolly” da utilizzare in tutte le stagioni, per prevenire cambi di temperatura bizzarri o viaggi in zone dal clima diverso da quello a cui sei abituata. La biancheria merita uno scompartimento a parte, poiché non cambia in base alle stagioni e deve essere disponibile quotidianamente.

3. Dovresti cercare di disporre i capi di vestiario in posizioni particolari per favorire il loro recupero da parte tua o dei bambini stessi: infatti da una certa età in poi i bambini sono capaci di vestirsi da soli e quindi possono autonomamente pensare al loro abbigliamento sotto la tua supervisione;

4. E’ sicuro che una buona parte degli abiti dei tuoi figli piccoli non saranno più utilizzabili l’anno successivo. In questo caso hai due alternative: gettarli, oppure tenerli, e possibilmente riciclarli per il prossimo bambino, per amici o parenti, o, poiché ce n’è sempre bisogno, consegnarli alle associazioni umanitarie per i piccoli meno fortunati. Tuttavia, è possibile poter utilizzare alcuni capi, magari più grandi, per un paio di anni: a questo punto è meglio trovare una sistemazione particolare per questi abiti e trovarli subito a disposizione un anno dopo.

5. Per rendere la faccenda meno noiosa per te e per i bambini, può essere interessante fare dei tentativi di coinvolgerli attraverso l’organizzazione di giochi o attività divertenti. Questo ti permetterà di avere il loro aiuto, di passare un po’ di tempo insieme ai tuoi figli e, perché no, di responsabilizzarli rispetto ai loro vestiti.
Chissà che anche i bambini non imparino meglio come organizzare il proprio armadio!

3 commenti su “Cambio di stagione: l’armadio dei bambini

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>