Se il bimbo sta male, fategli disegnare una faccina!

98d625e9716b968ccfa41d58f2cdb9bbSentire parlare di bambini che soffrono non è mai piacevole: a volte basta una semplice influenza o qualche linea di febbre perché ci si stringa il cuore davanti a un faccino sbattuto e un corpicino stanco.

Se vi siete mai chieste la vera ragione di questo dispiacere, vi sarete sicuramente risposte che è difficile capire che cosa stiano realmente provando i nostri piccoli quando stanno male, rendendo praticamente impossibile fare un paragone con i malanni che colpiscono gli adulti.

Non è semplice nemmeno fare una diagnosi clinica del disturbo, poiché i bambini spesso non sanno descrivere con parole appropriate i sintomi: e via con innumerevoli tentativi e rimedi per farlo stare meglio, magari per capire alla fine che era una banalissima tonsillite! Ecco perché la febbre non si abbassava!

Quando la patologia, ahimè, si fa più grave e si è costretti a ricorrere al ricovero ospedaliero, la perfetta individuazione dei sintomi gioca un ruolo fondamentale. Nasce per questi motivi la campagna di sensibilizzazione NienteMale patrocinato dal Ministero della Salute, che ha dato vita a un fascicolo esplicativo e soprattutto al poster che vedete riprodotto qui sopra.

Stampato in diecimila copie, il manifesto può essere uno spunto importantissimo per tutte noi. Perché infatti non utilizzarlo anche tra le mura domestiche, magari come guida e monito per evitare medicine inutili al primo vago “mal di pancia” o “mal di testa” manifestato dal Kid, evitando gli antibiotici che indeboliscono molto l’organismo, rendendo alla lunga meno reattivo il sistema immunitario.

Uno strumento utilissimo, semplice e accessibile, in particolare è considerato l’ideale per i piccini dai 2 ai 13 anni, anche se non esclusivamente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>